fbpx
Seleziona una pagina

Perché dovresti scrivere e parlare di questi 21 stili di yoga sul tuo Blog, anche se non sono il tipo di yoga che tu insegni?

La risposta è semplice:

  1. per posizionare il tuo blog in prima pagina su Google su determinate parole chiave relativamente facili da posizionare;
  2. per rafforzare il tuo brand dimostrando di conoscere profondamente lo yoga nei suoi vari aspetti.

Ma andiamo per gradi.

Differenza tra stili e tipologie

Un errore apparentemente banale, ma che invece fa tutta la differenza del mondo, è quello ad esempio di fare confusione tra stili di yoga e tipo di yoga.

Parlarne sul tuo blog o nei tuoi video è fondamentale perché distingue all’istante chi conosce profondamente e chi no l’argomento in questione.

Le tipologie di yoga sono praticamente quattro:

  • bhakti yoga;
  • jnana yoga;
  • karma yoga;
  • hatha yoga;

Far comprendere ai tuoi allievi la differenza tra questi quattro e i vari stili di yoga di cui parleremo più avanti è fondamentale.

Bhakti Yoga

Come tu stesso sono certo saprai, la definizione su wikipedia di Bhakti Yoga è:

“la via della devozione verso la liberazione dal ciclo delle rinascite. Bhakti yoga è appunto la via della Bhakti, è la relazione con Dio attraverso un intenso amore e profonda devozione.”

Dal punto di vista Seo invece, così come puoi vedere nell’immagine qui sotto:

La parola chiave Bhakti Yoga viene digitata all’incirca 210 volte al mese ed ha una Keyword Difficulty pari a 37 su 100.

Questi sono dati provenienti da SeoZoom, uno dei software di ricerca che io utilizzo.

La Keyword Difficulty è una metrica che indica la difficoltà di posizionamento per una determinata parola chiave (e il livello di competizione presente all’interno dei risultati del motore di ricerca). Va da 0 a 100 e più il valore è alto, più è alta la difficoltà di posizionarsi per tale keyword.

Il valore dipende dai siti posizionati in SERP e dalla loro Zoom Authority: più competitivi sono i siti posizionati in SERP per quella keyword, maggiore è la difficoltà di posizionarsi.

La sua Zoom Authority viene calcolata prendendo in considerazione un mix pesato tra: n. keyword posizionate, volumi di ricerca delle key posizionate, distribuzione delle keyword, competizione delle keyword, trend degli ultimi mesi (salita o discesa).

Jnana Yoga

Sempre secondo Wikipedia l’Jnana Yoga invece è la via della conoscenza.

“La causa di tutta la sofferenza e degli attaccamenti è l’ignoranza metafisica (Avidya); essa agisce come un velo (Maya) o uno schermo, che impedisce al Jīva di percepire la sua natura reale e divina.”

Ci sarebbe molto altro da dire – Swami Vivekananda ha scritto anche un libro sull’Jnana Yoga – e dal punto di vista della Seo, così come puoi vedere nell’immagine qui sotto:

jnana yoga

La parola chiave Jnana Yoga viene digitata all’incirca 110 volte in media al mese ed ha una facilità di posizionamento pari a 34 su 100, secondo i dati SeoZoom.

Karma Yoga

Spesso annoverata erroneamente tra i vari stili di yoga, questa tipologia è uno dei quattro percorsi principali dello yoga e riguarda la via dell’azione senza attaccamento.

Nella stessa Bhagavad Gita – testo sacro da leggere assolutamente –  se ne parla approfonditamente:

“L’uomo che ha realizzato la sua identità spirituale non ha interessi personali nell’adempiere i doveri prescritti né ha motivo di non compiere tali doveri. Egli non dipende da alcuno per nessuna cosa. Si devono dunque compiere il proprio lavoro e le proprie azioni per dovere, senza attaccamento ai frutti dell’azione, perché agendo senza attaccamento si raggiunge il Supremo.”

Bhagavad Gita, III, 18-19

Dal punto di vista della Seo, così come puoi vedere nell’immagine qui sotto:

karma yoga

La parola chiave Karma Yoga viene digitata all’incirca 210 volte al mese ed ha una facilità di posizionamento pari a 39 su 100, secondo i dati SeoZoom.

Hatha Yoga

L’Hatha Yoga di cui si parla qui in occidente oggi, in realtà, è uno stile di yoga molto fisico basato principalmente su l’esecuzione di Asana.

In realtà, l’Hatha Yoga è un percorso yogico molto più antico, il cui esercizio fisico aveva un obiettivo ben più elevato del tornare in forma per l’estate.

Dal punto di vista della Seo, così come puoi vedere nell’immagine qui sotto:

hatha yoga

La parola chiave Hatha Yoga è una delle più difficili da posizionare. Viene digitata all’incirca 5400 volte al mese ma ha una Keyword Difficulty pari a 59 su 100, secondo i dati SeoZoom.

Perché scrivere dei 4 tipi di yoga?

Parlare approfonditamente di ognuno di questi singoli tipi di yoga sul tuo blog ti posiziona su Google dal punto di vista della Seo, ma soprattutto ti posiziona come maestro esperto nella mente dei tuoi lettori.

“Solo mostrando la tua conoscenza potrai far comprendere alla mente dei tuoi allievi che sei molto di più di un semplice esecutore o una semplice esecutrice di asana.”

Tutto ciò si chiama branding e se lo vuoi approfondire questo è il primo libro che ti consiglio in assoluto di leggere.

12 stili di yoga più digitati su Google

Gli stili di yoga invece sono le varie pratiche, dalle più antiche alle più moderne, che vengono insegnante nelle varie scuole di yoga.

In un altro articolo, ti ho parlato delle 9 tipologie di yoga più ricercate su Facebook.

Qui sotto invece voglio girarti un elenco puntato dei 12 stili di yoga più digitati e ricercati su Google:

  1. hatha yoga – RM: 5400 / KD: 59
  2. ashtanga yoga – RM: 4400 / KD: 36
  3. bikram yoga – RM: 2900 / KD: 52
  4. kundalini yoga – RM: 2400 / KD: 43
  5. iyengar yoga – RM: 1900 / KD: 36
  6. power yoga – RM: 1900 / KD: 67
  7. sahaja yoga – RM: 1600 / KD: 53
  8. vinyasa yoga – RM: 1300 / KD: 36
  9. antigravity yoga – RM: 1300 / 40
  10. kriya yoga – RM: 1300 / KD: 41
  11. tantra yoga – RM: 1300 / KD: 57
  12. mantra yoga – RM: 880 / KD: 45

Come hai potuto vedere, affianco ad ogni keyword c’è il numero di ricerche medie (RM), ovvero il numero di volte in cui viene ricercata quella parola chiave ogni mese su Google.

E la Keyword Difficulty (KD), ovvero la difficoltà di posizionamento da 0 a 100 per quella parola chiave.

Non ti allego qui tutti gli screenshot di Seozoom perché rallenterebbe notevolmente il caricamenteo di questo post, già troppo ricco di immagini.

9 keyword di stili yoga più  facili da posizionare

Quelli qui sotto sono degli stili di yoga meno ricercati:

  1. mantra yoga kundalini – RM: 90 / KD: 24
  2. yoga parinama – RM: 50 / KD: 25
  3. ananda yoga – RM: 590 / KD: 26
  4. anukalana yoga – RM: 210 / KD: 27
  5. viniyoga – RM: 170 / KD: 27
  6. odaka yoga – RM: 320 / KD: 29
  7. nada yoga – RM: 210 / KD: 29
  8. yoga in volo – RM: 590 / KD: 31
  9. aerial yoga– RM: 210 / KD: 32

Come puoi vedere dagli RM e KD, queste parole chiave sono sì meno ricercate, ma decisamente più facili da posizionare in prima pagina su Google.

Per questo ti consiglio di scrivere post e video di approfondimento per ognuno di essi.

Perché parlare di numeri anche nello Yoga?

Lo so che parlare di yoga con numeri e dati può far storcere il naso ad alcuni, ma il mio compito qui, come ricercatore e infomarketer, è quello di fornirti gli inside necessari di cui tu hai bisogno, per emergere in questo mondo di insegnanti Yoga sempre più omologati.

Non entro nel merito dei contenuti, è tuo compito approfondire, studiare e trasmettere tali conoscenze ai tuoi allievi.

Io ti sto solo dando delle indicazioni pratiche, numeri alla mano.

Conclusione

Questo post è un breve estratto di una ricerca ben più ampia che troverai probabilmente verso la metà o la fine di settembre nella sezione My Inside 21.

Nel frattempo sfrutta questi dati per posizionare il tuo blog yoga sopra ai tanti altri che scrivono poco, male e senza un obiettivo di posizionamento valido.

Se vuoi essere informato in tempo reale sulla pubblicazione del prossimo My Inside 21 o vuoi avvalerti di un professionista per realizzare il tuo sito web e blog yoga, contattami QUI in privato, compilando il form a fondo pagina.

 


Questo post è stato pubblicato il 25 agosto 2020 su www.mycopylife.it ed è di proprietà di MyCopyLife

Puoi copiare e redistribuire l’intero articolo o parti di esso, a patto di citare sempre l’autore Cosimo Melle e la fonte:  https://www.mycopylife.it/stili-di-yoga


 

Pin It on Pinterest