fbpx
Seleziona una pagina

Oggi scoprirai i 5 Corsi di Yoga Online più seguiti in Italia.

Se sei un insegnante e vuoi creare il tuo corso di yoga online, i dati che troverai qui sotto ti aiuteranno a differenziarti da una concorrenza sempre più simile e omologata.

Posso dirti infatti che, rispetto al mercato inglese, nel nostro bel Paese hai davvero parecchie possibilità di posizionarti come unico e differente, rispetto a ciò che c’è attualmente.

Iniziamo…

Cosa digita su Google chi cerca lezioni di yoga online?

Da un’analisi delle intenzioni di ricerca su Google dei navigatori, alcune delle keyword più digitate e ricercate risultano le seguenti:

  • lezioni di yoga
  • lezioni di yoga online
  • corsi di yoga
  • corsi di yoga online

Quindi partendo proprio dall’analizzare i player presenti nella prima pagina di Google per queste parole chiave, son venuti fuori praticamente sempre gli stessi 5 nomi e siti web:

La capostipite di questo movimento

La Scimmia Yoga di Sara Bigatti è praticamente colei che trovi in quasi tutte le prime posizioni di Google, riguardanti la ricerca di corsi di yoga on line.

lezioni di yoga online

Fondato nel 2012, questo sito web e le sue lezioni di yoga online sono diventate un punto di riferimento per la comunità italiana che voleva praticare yoga a distanza.

Sara insegna principalmente Vinyasa Yoga ed oggi ha una membership a pagamento mensile ricorrente che comprende 8 corsi e 116 lezioni per principianti, intermedi e avanzati.

Con un traffico potenziale stimato* di circa 8200 visite:

la scimmia yoga

* SeoZoom stima il traffico potenziale in base al numero di Keyword posizionate su Google per sito web. Il dato preciso solo il proprietaro del sito può averlo attraverso strumenti come Google Analytics.

Il suo punto di forza è sicuramente quello di essere stata tra le prime ad aver avuto quest’idea in Italia e di aver portato avanti questo progetto in maniera professionale.

Nel complesso ha fatto un ottimo lavoro SEO, punta solo su traffico organico e non utilizza: funnel di vendita, freebie, Google Ads, Facebook Ads (almeno nel momento in cui scrivo).

C’è molto da imparare da questo progetto per impostare un business online di lungo termine. Ma se stai iniziando oggi, questa strategia potrebbe non farti vedere un solo euro, almeno per il prossimo anno di lavoro.

Ecco perché ti consiglio di analizzare e prendere spunto anche dai prossimi casi studio.

Colei che ha seguito la scia…perfezionando l’idea!

Nel 2014 – circa 2 anni dopo – nasce Yoga N’Ride, un progetto di Laura Visinoni, insegnante di Hatha Yoga, che tira su un corso di yoga on line più ricco di contenuti e per certi versi differente rispetto al primo.

Inizialmente la qualità dei video non era delle migliori ma poi strada facendo si è perfezionata.

Ha all’attivo una membership a pagamento ricorrente mensile con 4 corsi/programmi e circa 260 lezioni per principianti e intermedi.

Con un traffico potenziale stimato* di circa 6500 visite:

yoga n ride

Laura ha compreso che solo la Seo non gli sarebbe bastata, così ha implementato anche dei buoni funnel di vendita, come ad esempio questo:

corsi di yoga on line

E si avvale anche di Google Ads e Facebook Ads*:

esempi facebook ads

* Le Facebook Ads probabilmente andrebbero migliorate un pochino in questo caso, ma sicuramente è meglio che non farle proprio.

Sul suo sito web vediamo già molte più strategie di digital marketing.

Ci sono un sacco di Form e Call to Action ed è decisamente un caso studio da analizzare approfonditamente, se vuoi creare le tue lezioni di yoga on line a pagamento.

Riguardo il suo brand positioning, dal mio punto di vista del tutto personale, trovo un po’ in contrasto la scelta del nome e del logo con quello che poi è il suo reale tono di voce:

corso di yoga on line

Il concetto di “Yoga” e “Surf” infatti – oltre che nel logo e nello sfondo dei video – non viene quasi mai ripreso poi nella sua comunicazione visiva o testuale.

L’idea di utilizzare la bellissima tavola da surf personalizzata di sfondo nelle sue lezioni a me piace, ma dovrebbe poi rinforzare questo concetto nella sua comunicazione.

 Altrimenti, visto il suo tone of voice, sarebbe stato più appropriato un qualcos’altro che rafforzasse il concetto di amore per lo Yoga e la Natura.

Un progetto dal potenziale inespresso

Un altro corso di yoga online che compare spesso in prima pagina su Google è Yogare.

Un progetto, nato anch’esso nel 2012, in cui un gruppo di insegnanti yoga si sono uniti per insegnare diversi stili nello stesso calderone.

Con all’incirca 500 classi di yoga attive, con diversi stili e con diversi insegnanti, hanno una membership a pagamento mensile ricorrente che si rivolge a studenti principianti, intermedi e avanzati.

Il loro sito web ha un traffico potenziale di circa 1800 visitatori mensili potenziali:

yogare

I buoni propositi di questo progetto erano quelli di creare la comunità di Yoga più seguita online in Italia e se avessero continuato a curare il marketing – così come hanno fatto i primi due esempi sopracitati – probabilmente ci sarebbero riusciti.

Ma nonostante l’idea di fondo sia interessante e le oltre 500 lezioni possano sembrare appetitose, in realtà il sito web ti dà la sensazione di un progetto semi abbandonato e poco curato nei dettagli.

Anche loro puntano tutto sulla Seo e non utilizzano né Google Ads né Facebook Ads. Ma l’unica vera strategia di digital marketing che potrebbe esserti di ispirazione qui sono i sette giorni di prova gratuita, che loro propongono come lead magnet per il funnel di vendita:

lezioni di yoga online

L’idea di unire insieme diversi stili e diversi insegnanti va bene. Mi piace molto anche la professionalità dei video e la scelta della location. Ma va decisamente curata molto ma molto meglio tutta la strategia di digital marketing.

Guarda ad esempio qui, un caso studio molto simile ma in lingua inglese, nota tu stesso le differenze.

L’idea controcorrente

ATuttoYoga è un altro bel progetto di yoga online.

Con un traffico potenziale di circa 14.700 visitatori:

a tutto yoga

L’ideatore Andrea ha fatto un lavoro di Seo straordinario ed è andato un po’ controcorrente rispetto ai 3 concorrenti sopracitati.

Lui ha puntato sul vendere corsi di yoga online monotematici, anziché un calderone ad abbonamento mensile con tanti contenuti in stile Netflix.

Questa scelta ovviamente ha i suoi pro e i suoi contro:

  • Gli abbonamenti ricorrenti così come spiega John Warrillow in questo libro che ti consiglio di leggere – creano più legame con il partecipante, oltre che una rendita automatica costante. Ma nel contesto dello yoga richiede ovviamente il dover inserire sempre nuovi contenuti per non annoiare.
  • Vendendo il singolo corso invece segmenti meglio i tuoi corsisti per interessi, ma ti toccherà ogni volta convincerli di nuovo ad acquistare con una nuova lettera di vendita.

Dipende molto da te e dal tipo di business model tu vuoi adottare.

L’ultima raccoglie tutto!

Fidanzata di un noto marketer italiano, Denise Dellagiacoma è entrata a gamba tesa in questo settore, spiazzando tutti.

Nonostante sia stata l’ultima, si è presa la fetta più grossa del mercato con delle strategie di Digital Marketing ben mirate.

Oggi conta una community di oltre 70.000 Yogin che la seguono su Facebook e quasi 3.000 partecipanti alla sua scuola di yoga online:

lezioni di yoga

Rinominando il suo metodo didattico Body-Mid Flow, oggi ha una membership a pagamento ricorrente mensile con oltre 120 lezioni di yoga per principianti, intermedi e avanzati.

Il suo sito web ha un traffico potenziale di 20.000 visitatori:

denise dellagiacoma

Ma i suoi veri punti di forza sono l’onnipresenza su Google Ads:

corsi di yoga

E le oltre 100 Ads attive su Facebook, suddivise tra interessi, lookalike e retargeting:

facebook strategy

Il suo funnel di vendita è semplice ma molto efficace, comprende l’utilizzo di 5 e-mail che si completano con l’invito ad acquistare il corso e soprattutto l’implementazione del bot su Messenger.

Studia bene questo caso studio perché scoprirai come, nonostante sia stata l’ultima ad arrivare sul mercato, sia riuscita a spazzare completamente la concorrenza prendendosi la fetta più grossa di questo mercato in Italia.

Come differenziarti dalla concorrenza

Questa ricerca molto abbreviata è stata estrapolata da una ben più approfondita che ben presto troverai nella sezione MY INSIDE 21.

Ho intenzione di pubblicarla entro la metà di settembre 2020.

Ricerche di questo tipo richiedono tempo, ma ti forniscono dati fondamentali per essere un passo avanti rispetto alla concorrenza.

Se vuoi essere aggiornato in tempo reale su quando uscirà questa ricerca contattami in privato qui a fondo pagina.

4 elementi differenzianti

A proposito di differenziazione, se ci fai caso, Sara, Laura e Denise seguono più o meno lo stereotipo dell’insegnante yoga dal viso dolce, carino e sorridente, in stile KinoYoga e tante altre Insegnanti americane.

Quindi gli elementi di differenziazione su cui potresti puntare in Italia sono davvero tanti:

  • Potresti puntare sulla Donna Ribelle e rompere tutti gli schemi, così come ha fatto Sadie Nardini.
  • Potresti prendere alcuni aspetti dello Yoga, focalizzarti su alcuni punti e creare il tuo metodo, così come ha fatto Ale Demaria con MoveInside.
  • Se hai origini indiane o comunque orientali, potresti insegnare lo “Yoga Originale” insegnato in India.
  • Oppure potresti approfondire con dei video lo Yoga Terapeutico o l’anatomia dello Yoga, qui un libro per approfondire.

E queste sono solo 4 delle 32 idee differenzianti di cui parlo nella mia ricerca approfondita.

Considerando che lo Yoga è molto più che fare delle semplici posizioni per restare in forma, c’è davvero tanto altro riguardo lo Yoga di cui tu potresti parlare, distinguendoti dagli attuali Top Player del mercato italiano.

Conclusione

Il mercato italiano dei corsi di Yoga online è ancora un mercato pieno di possibilità.

I recenti avvenimenti hanno fatto riversare molti insegnanti yoga sull’online, facendolo in maniera poco professionale attraverso Zoom ad esempio.

Ma se anche tu hai finalmente scoperto le potenzialità del web e vuoi creare i tuoi corsi online, così come hanno fatto gli esempi sopra citati, questo è davvero il momento giusto per farlo.

Qui sotto trovi un paio di approfondimenti che ti potrebbero aiutare:

Ora hai avuto l’input, sta a te trasformarlo in un progetto concreto per il tuo futuro di insegnante di yoga online.

 


Questo post è stato pubblicato il 04 agosto 2020 su www.mycopylife.it ed è di proprietà di MyCopyLife

Puoi copiare e redistribuire l’intero articolo o parti di esso, a patto di citare sempre l’autore Cosimo Melle e la fonte: https://www.mycopylife.it/corsi-di-yoga-online/


 

Pin It on Pinterest